ALEZEIA

La verità vi farà liberi

Posts Tagged ‘società’

Posted by ikzus su 30 ottobre 2015


Kasper contro Ratzinger, la disputa che non finisce mai

Francesco l’ha rinfocolata e il sinodo non l’ha risolta.
Nei paragrafi sui divorziati risposati la parola “comunione” non c’è. Ma il papa potrebbe introdurla lui, d’autorità

di Sandro Magister

ROMA, 30 ottobre 2015 – Era palpabile l’insoddisfazione di papa Francesco per come il sinodo è andato a finire. Nel discorso e nell’omelia di chiusura se l’è presa ancora una volta con l'”ermeneutica cospirativa”, con l’arida “fede da tabella”, con chi vuole “sedersi sulla cattedra di Mosè per giudicare con superiorità i casi difficili e le famiglie ferite”:

> Discorso del 24 ottobre

> Omelia del 25 ottobre

Eppure il documento finale, approvato sabato 24 ottobre, è tutto un’inno alla misericordia, dalla prima all’ultima riga:

> Relazione finale del sinodo dei vescovi

Solo che non c’è nemmeno una parola, in questo documento, che schiodi la dottrina e la disciplina della Chiesa cattolica da quel “no” alla comunione per i divorziati risposati che era il vero muro da abbattere nel disegno dei novatori, il varco che avrebbe portato dritto all’ammissione del divorzio e delle seconde nozze.

Leggi il seguito di questo post »

Posted in famiglia, religione | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Più rispetto per il “civile”

Posted by alagna su 24 ottobre 2012


È ormai evidente che logiche dominanti in Europa influenzano potentemente l’Ita­lia e che ormai anche nel nostro Paese si fa­tica a conoscere e riconoscere una realtà che è ricchezza e fonte di ricchezza per tutti: l’e­conomia sociale e civile. Su di essa non in­combe soltanto il grave (ben 7 punti) au­mento dell’Iva per le cooperative sociali (la principale innovazione economico-sociale i­taliana, e probabilmente continentale, degli ultimi vent’anni). C’è anche la recente ap­provazione della ‘borsa delle scommesse’ e l’imminente legalizzazione delle slot machi­ne online, che rappresentano un segnale an­cora più grave, poiché proprio queste nor­mative radicalmente ‘incivili’ finiscono per ingrossare le fila di quel disagio sociale che poi arriva alla cooperazione sociale che deve oc­cuparsene con sempre meno risorse.

È in questo contesto di incomprensione nei confronti del sociale e dell’economia civile che va anche inquadrato il tema dell’Imu sul­le strutture del mondo non profit e delle isti­tuzioni religiose, di cui si è molto parlato, ma di cui è forse bene parlare ancora e più a pro­posito.

Via Tuscolana, Roma. Una comunità di sale­siane, circa 20 suore, porta avanti da decen­ni una scuola elementare e materna. Molte sorelle, alcune ottantenni, lavorano come vo­lontarie nella scuola, assistendo i bambini negli intervalli, o rispondendo al centralino. Ho visto personalmente genitori che il gior­no in cui si aprono le iscrizioni, arrivano la se­ra prima e pernottano di fronte alla scuola per non restar esclusi dai pochi posti a di­sposizione. Perché questa comunità conti­nua a portare avanti questa scuola? Per due principali ragioni: per rispondere a un biso­gno urgente e vitale del territorio, e perché per le salesiane le opere educative non sono un accidens, ma parte essenziale della loro vocazione e del loro carisma. Quando quel­le suore da giovani hanno risposto a una vo­cazione, si sono donate anche ai giovani e al­la loro educazione.

L’Italia, almeno la sua parte migliore, l’han­no edificata anche, e in determinati momenti storici, soprattutto i carismi religiosi. Assieme, in una certa misura, a quelli laici. Quando lo Stato Italiano non c’era ancora, o le sue isti­tuzioni erano inesistenti o troppo fragili, Cot­tolengo, Don Bosco, Don Orione, Scalabrini, Francesca Cabrini, hanno curato e amato le tante forme di povertà e di esclusione del lo­ro tempo, rendendo la società italiana più ci­vile e la vita di tanti, poveri e meno poveri, possibile. Le loro strutture e le loro case so­no diventate dei veri beni pubblici, come e più di fontane, parchi, teatri, musei. E in molti casi lo sono ancora, costituendo un patri­monio del nostro Paese. Centinaia di migliaia di bambini, ragazzi e giovani oggi sono ancora educati e amati da opere nascenti dai cari­smi.

Solo uno sguardo distratto può chiama­re ‘attività commerciale’ la scuola di un or­dine religioso o la mensa attivata in una par­rocchia: sono espressione diretta e imme­diata del carisma. E sono attività diverse da quella for profit non perché e quando ‘non fanno utili’ (come recitano i testi normativi circolati in questi giorni), perché il fare o non fare utile non può essere il criterio per capi­re queste realtà, e per capire le tante realtà re­ligiose e laiche (culturali, ricreative, sportive …) che gestiscono attività che hanno anche una dimensione commerciale.

Ecco perché dietro progetti (e polemiche) sul­l’allargamento della tassazione sugli immo­bili agli ‘enti non commerciali’ (oggi parlia­mo di Imu, ieri di Ici) si nasconde molto di più di una faccenda ‘cattolica’ (e qui bisogne­rebbe ragionare su quanto male fa all’Italia leggere ogni cosa in chiave ideologica pro o contro la Chiesa!): è una questione che ri­guarda anche e soprattutto la vocazione ci­vile ed economica del Paese, la nostra storia e la nostra cultura.

C’è poi il dato concreto che molte di queste opere carismatiche si muovono da anni sul filo della sopravvivenza: ricevono somme ir­risorie dagli enti pubblici, e sopravvivono per la tanta gratuità che riescono ad attivare. Far pagare l’Imu per gli immobili di queste e di tante altre scuole e opere ‘comunitarie’ si­gnifica, di fatto, non capire il valore di tali realtà, non stimarle, e rendere la loro vita mol­to difficile, in certi casi insostenibile. Con qua­li conseguenze?

S i renderà più facile la dismissio­ne o svendita di queste struttu­re, magari a speculatori, che rad­doppieranno le rette, impoveriranno ancora le famiglie e impoveriranno anche la cultura e la storia dei nostri territori. È questo che si vuole? È davvero que­sto che l’Europa imporrebbe al patrio governo su richiesta di un manipolo di politici che hanno fatto ricorso contro l’Italia perché colpevole di ‘aiuti di Sta­to’ alle attività non profit?

Nell’attuale straordinaria fase politica e di governo continua purtroppo e, di fatto, si sviluppa una tradizione vec­chia ormai di decenni, che non ha oc­chiali per ‘vedere’ il civile italiano (che non è quello inglese né quello Usa). Non a caso il primo taglio della spen­ding review è stata la chiusura dell’A­genzia per le onlus, e l’ultimo (speria­mo) è picconare le opere del ‘civile’, e quindi i poveri. Non si tratta di ‘equità’ (trattare la Chiesa e le sue opere come tutti), si tratta di avere o non avere una idea di Italia, una idea della fisiologia del malato da curare. Perché la più grande ingiustizia è trattare allo stesso modo realtà diverse: non distinguere tra il significato civile ed economico di una business school e una scuola di Don Orione o un asilo tenuto in piedi da u- na parrocchia.

Si agitano mediatica­mente le note e abusate storie dei ‘bed e breakfast’ di proprietà di ordini reli­giosi ma gestiti con modalità impren­ditoriali e, spesso, da soggetti for profit (che infatti, anche con la legge attual­mente vigente, devono pagare Imu e ogni altra imposta), e non ci si rende conto che con gli interventi normativi oggettivamente contro il non profit sa­ranno proprio le attività for profit che aumenteranno. Pagheranno tutti l’Imu anche quelli che operano senza fini di lucro, ma i cittadini pagheranno un prezzo molto più alto, e il nostro Pae­se finirà per perdere l’apporto di realtà secolari.

Tutto per una radicale rival­sa ideologica abbinata alla voglia di fare un po’ di cassa; una cassa che, di­versamente dalla Francia, non si ha la forza politica di fare aumentando di 20 punti percentuali l’Irpef dei su­per-ricchi, continuando così a chie­dere di più ai poveri e alla sempre più impoverita classe media. Lo spettacolo di corruzione e immo­ralità di questi giorni si cura alimen­tando gli anticorpi, immettendo cel­lule sane nel corpo italiano grave­mente malato, anche per avere e­marginato i carismi dalla vita civile. Non sarà l’allargamento del mercato for profit a salvare l’Italia.​

Da L’Avvenire del 20 Ottobre 2012

Posted in politica | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

iPad “senza” Cristo

Posted by alagna su 28 aprile 2012


Sembra che il mio iPad di Cristo non ne voglia proprio sapere. Anzi è Pages a non volerne sapere, il programma di scrittura di Apple, fratello del più noto Word usato in ambiente Windows. Pages, di fronte ai miei errori di battitura, come ogni buon sistema di scrittura elettronico, ha la gentile compulsione di provare a intuire cosa intendevo scrivere e cerca di propormi delle soluzioni alternative. Così se sbagliandomi digito ‘amblatrio’ è bravissimo a segnalarmi il refuso e indicarmi come unica chance sostitutiva, ‘ambulatorio’, aggiungendo automaticamente le due vocali mancanti. Nei casi invece scovi più di un’ipotesi possibile, con generosità si prodiga a segnalarmele tutte. Mi indica ad esempio che ‘csacca’ non esiste e che potrebbe stare indifferentemente per casca, sacca, casacca e perfino cacca. A me la scelta. Tutto molto sensato e certo utile per chi a volte scrive troppo in fretta e si lascia dietro una scia di refusi, confidando forse anche in questo aiutino successivo. Eppure, se mi scappa di digitare ‘Crsto’ ritrovo come suggerimenti ‘Cretto’ (che ho bisogno del dizionario per scoprire che è una forma in disuso per spaccatura), ‘Crato’ (che nessuna reminiscenza geografica mi aiuta a situare in Portogallo), ‘Cesto’ e ‘Casto’; e dire che basterebbe solo una vocale per riportare in vita la parola che volevo, peraltro abbastanza comune, almeno per due miliardi abbondanti di persone. Se invece mi è capitato di dimenticare la esse, da ‘Crito’ posso arrivare solo a ‘Cripto’, ‘Cricco’, ‘Crato’ (ancora?), ‘Coito’; purtroppo niente interviene a restituire il senso al nome di Colui che, per chi gli ha creduto e gli crede, solo dà senso al reale. Non che in questa rassegna di suggerimenti manchino i personaggi famosi, solamente che arriviamo al massimo a ‘Castro’ (da Cstro) o al più mitico ‘Creso’ (da Criso).Insomma, di Cristo nessuna traccia. Le volte però che riesco a digitarne correttamente il nome, Pages lo lascia come tale e non riporta alcun errore. Come dire: se Cristo lo conosci e sai pure come scriverlo, bene, altrimenti non aspettarti che te lo suggerisca io. Un caso fortuito?Una innocente dimenticanza? Piuttosto un caso di censura; quantomeno lessicale.

Leggi il seguito di questo post »

Posted in religione | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: