ALEZEIA

La verità vi farà liberi

    Annunci
  • Monitoraggio OBAMA: le promesse e la realtà
  • Categorie

  • Commenti recenti

    Breve cronistoria de… su OBAMALLAH
    QUANDO EMMA BONINO P… su La vera storia di Emma Bo…
    ikzus su “Berlino cambi o sarà re…
    tonino su La vera storia di Emma Bo…
    Monti: «Emma Bonino… su La vera storia di Emma Bo…
    Borongo Amedeo su I due papi e il peccato
    Borongo Amedeo su I due papi e il peccato
    Ganimede Dignan su A chi crede e a chi ragio…
    Ganimede Dignan su Giovani, vi voglio tutti …
    Ganimede Dignan su I due papi e il peccato
    Ganimede Dignan su La vera storia di Emma Bo…
    ikzus su I due papi e il peccato
    Amedeo Borongo su I due papi e il peccato
    Tamburini su La vera storia di Emma Bo…
    Mario su La vera storia di Emma Bo…
  • Archivi

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 13 follower

  • Iscriviti

Posts Tagged ‘nucleare’

Posted by alenu su 18 gennaio 2011


A 25 anni dalla disastrosa esplosione del reattore numero 4 della centrale nucleare

Chernobyl diventa meta turistica

Radiazioni sotto controllo. Solo 130 dollari per fare il tour

di Patrizia Feletig

Chernobyl. Il governo ucraino ha annunciato l’apertura al turismo della Zona di Esclusione attorno alla centrale nucleare di Chernobyl. L’area ha una superficie come quella della provincia di Roma. Essa circonda il reattore esploso il 26 aprile 1986 e che, dopo l’evacuazione della popolazione, è rimasta chiusa, presidiata da militari. Qualche forma di turismo nella Zona già c’è.

Nel 2002, due anni dopo la chiusura dell’ultimo dei tre reattori gemelli a quello esploso, e ancora funzionanti dopo l’incidente, alcuni imprenditori di Kiev hanno ideato dei pacchetti turistici, proponendo dalle gite di mezza giornata fino a soggiorni con pernottamento di una notte a Chernobyl. Circa un migliaio di visitatori all’anno.

Fiutato il business, in previsione del flusso di arrivi collegato ai campionati europei di calcio che l’Ucraina ospiterà nel 2012, il governo di Kiev ha deciso di sfilare ai privati questa attività. Chernobyl esercita il suo fascino perverso su un variegato campionario di cittadini prevalentemente europei. Essi sono: antinuclearisti in cerca di conferme, fotografi a caccia di immagini graffianti, nostalgici che inseguono la suggestione di una cittadina-modello di stampo sovietico. Ci sono anche delle coppie che si fanno fotografare davanti al sarcofago del reattore N.4.

Si spende 130 dollari per la visita di gruppo (12 persone). Fino ai 500 dollari per un’escursione privata sempre sotto stretta sorveglianza di una guida. Unico requisito: un passaporto. Tutte le formalità si sbrigano via web fino all’appuntamento nella piazza centrale di Kiev. Dopo due ore di pulmino, si è sul posto dove sfilano abitazioni abbandonate, intervallate da territori dominati da una vegetazione rigogliosa che favorisce la riproduzione delle specie animali come lupi, alci, cicogne, cavalli: 25 anni dopo, Chernobyl è diventato un eco-sistema naturalistico.

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Posted in ecologia, economia, politica | Contrassegnato da tag: , , , , , | 1 Comment »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: