ALEZEIA

La verità vi farà liberi

    Annunci
  • Monitoraggio OBAMA: le promesse e la realtà
  • Categorie

  • Commenti recenti

    Breve cronistoria de… su OBAMALLAH
    QUANDO EMMA BONINO P… su La vera storia di Emma Bo…
    ikzus su “Berlino cambi o sarà re…
    tonino su La vera storia di Emma Bo…
    Monti: «Emma Bonino… su La vera storia di Emma Bo…
    Borongo Amedeo su I due papi e il peccato
    Borongo Amedeo su I due papi e il peccato
    Ganimede Dignan su A chi crede e a chi ragio…
    Ganimede Dignan su Giovani, vi voglio tutti …
    Ganimede Dignan su I due papi e il peccato
    Ganimede Dignan su La vera storia di Emma Bo…
    ikzus su I due papi e il peccato
    Amedeo Borongo su I due papi e il peccato
    Tamburini su La vera storia di Emma Bo…
    Mario su La vera storia di Emma Bo…
  • Archivi

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 13 follower

  • Iscriviti

Posts Tagged ‘cristiani’

SEMPRE PIU’ MORTE, SEMPRE MENO CHIESA

Posted by ikzus su 14 dicembre 2017


I FRUTTI AVVELENATI DEL DIALOGO A TUTTI I COSTI

di CLAUDIO LAROCCA

Ansa, 14/12/17 11:46      “Ok Senato, biotestamento è legge”

È un giorno triste per l’Italia.
La norma sul fine vita appena votata in Parlamento, che di fatto legalizza l’eutanasia omissiva nel nostro paese, non è solo frutto dei voti espressi in aula, ma anche di ogni silenzio o messaggio ambiguo, susseguitisi in questi ultimi anni a ogni livello, sia politico che ecclesiastico.
Non basta esprimere un timido “no” quando ormai i giochi sono fatti e dopo troppe occasioni perse e interventi ambigui, fraintendibili e sbagliati.
Non basta neppure votare contro la norma se prima si è contribuito a tenere politicamente in piedi, dandole fiducia, la stessa maggioranza che ora ha partorito questa norma di morte.
La responsabilità politica rimane.

Si è raggiunta una “soluzione normativa il più possibile condivisa”? È questo il nuovo metro di giudizio anche cristiano? Non conta più dare da bere e da mangiare a chi ne ha bisogno per sopravvivere? Non crediamo più nella sacralità della vita? Abbiamo rinunciato a chiamare male il male e bene il bene senza relativizzare “caso per caso”?
In fondo era già tutto troppo chiaro nel disagio espresso (di nuovo a tutti i livelli), tra mezze parole tirate di bocca e silenzi troppo lunghi e assordanti, durante i giorni in cui veniva condannato a morte il piccolo Charlie.

Sì, è un giorno triste… per l’Italia, per i nostri figli, per i malati di oggi e di domani… e per una chiesa italiana incapace di testimoniare Cristo, vittima di una strategica quanto infruttuosa timidezza e corrotta dalla ricerca dell’unico principio rimasto non negoziabile e per nulla evangelico: il dialogo.
Abbiamo forse paura di perdere i “30 denari” dell’8×1000 e per non perderli lasciamo che con questi comprino i nostri silenzi e il nostro tradimento?
A questo punto non sarebbe più utile “restituirli” come fece Giuda e rimettersi in ginocchio come fece Pietro?
L’alternativa sarà inevitabilmente diventare sempre più incapaci di parlare di vita (suicidandosi come Giuda) e di speranza (che ha permesso a Pietro di chiedere perdono e di non cedere alla disperazione e al male come Giuda).

Il piano è sempre più inclinato. Capiremo il costo culturale e sociale di quanto accaduto oggi (e permesso da troppi) solo sul lungo termine.
Ognuno risponderà non solo per quanto detto e fatto, ma anche per ciò che avrebbe potuto fare e non ha fatto e per ciò che avrebbe potuto dire e non ha detto.

A tutti noi ora il compito di tenere accesa la fiamma della dignità di ogni vita umana, come uomini, come cristiani, come Chiesa e, quando servirà, nonostante la chiesa.
Sarà sempre più complicato, ma necessario.

Sì, oggi è un giorno triste… molto triste.

 

Annunci

Posted in politica, religione, varie, vita | Contrassegnato da tag: , , , , , , | Leave a Comment »

Ció in cui noi cristiani crediamo

Posted by alagna su 31 marzo 2013


Victimæ paschali laudes immolent Christiani.
Agnus redemit oves: Christus innocens Patri reconciliavit peccatores.
Mors et Vita duello conflixere mirando: Dux Vitæ mortuus, regnat vivus.
Dic nobis, Maria, quid vidisti in via?
Sepulcrum Christi viventis, et gloriam vidi resurgentis,
angelicos testes, sudarium et vestes.
Surrexit Christus spes mea: præcedet suos in Galilaeam.
Scimus Christum surrexisse a mortuis vere: Tu nobis, victor Rex, miserere.
Amen. Alleluia.

Buona Pasqua

Posted in religione | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: