ALEZEIA

La verità vi farà liberi

«Una strega cattiva ti ha reso fragile ma il dono, bimba mia, è che tu ci sei»

Posted by alagna su 25 dicembre 2015


Caro direttore, questa lettera è dedicata a mia figlia, ma può essere la lettera di tanti altri genitori che vivono la disabilità di un figlio, senza grandi speranze per il futuro se non vivere ogni giorno come se fosse l’ultimo, tanta è la fragilità che si vive; grazie se la leggerà e se la pubblicherà. «Carissima Bimba bella, questo è il nostro quarantatreesimo Natale insieme.

Mi ricordo il primo: avevi pochi mesi, eri perfetta e bellissima, eravamo felici di averti con noi insieme alla tua sorellina; oggi siamo felici di averti ancora con noi, semplicemente felici di poterti ancora accarezzare, sorridere, sentire il calore del tuo corpo quando ti stringiamo nelle nostre braccia. Da quando la strega cattiva chiamata Sindrome di Rett, poco tempo dopo quel nostro primo Natale, ti ha rubato tutto – la parola, il cammino, il pensiero, i ricordi, lasciandoti solo il sorriso e la luce immensa dell’animo che ci doni con il tuo sguardo – abbiamo imparato a capirti da piccoli segni, un batter di ciglia, un lamento, un grido, un sorriso. Una vita diversa, un progetto di vita diverso, per te e per noi famiglia, non la corsa all’indipendenza, all’ambizione, al successo; solo e sempre semplicemente riuscire a superare ogni giorno, con impegno, gli ostacoli, gli imprevisti, gli scontri con la dura realtà. Non sono stati facili questi anni, non per noi, ma principalmente non per te, bimba bella, che hai dovuto subire la “strega cattiva” con il suo bagaglio di sofferenza, dolore e decadimento fisico e mentale. Ma la tua “fatica per vivere” è diventata la nostra forza: se tu riesci ancora a sorridere dopo tutto quello che ti è capitato, come potremmo noi cedere e lasciare il passo allo sconforto e alla delusione? Ti amo ogni giorno di più e vorrei poterti dire che arriverà presto la cura per la malattia che ti ha rubato la vita, però non lo posso fare. La Sindrome di Rett ha ancora troppe incognite da rivelare, troppi meccanismi da capire, troppe risorse da trovare. Non sono una scienziata, non sono una milionaria, non sono neppure un personaggio politico, non sono nessuno che possa influenzare in alcun modo l’evolversi della “strega cattiva”; posso solo continuare ad amarti e impegnarmi per garantirti una vita meno sofferta e più dignitosa possibile. Se potessi esprimere un desiderio per Natale, sarebbe quello di vederti correre, parlare, vivere la vita in autonomia, ma questo sarebbe un miracolo.

Il regalo più bello per il nostro Natale è che tu sia ancora qui con noi a sorriderci e a donarci con i tuoi sguardi speranza, amore e fiducia, tre elementi che moltiplicano nell’esistenza, la nostra esistenza, una forza inestimabile per continuare il cammino iniziato insieme quarantatré Natali fa . Auguri gioia bella».

mamma Marina

(da l’Avvenire del 24 Dicembre 2015)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: