ALEZEIA

La verità vi farà liberi

iPad “senza” Cristo

Posted by alagna su 28 aprile 2012


Sembra che il mio iPad di Cristo non ne voglia proprio sapere. Anzi è Pages a non volerne sapere, il programma di scrittura di Apple, fratello del più noto Word usato in ambiente Windows. Pages, di fronte ai miei errori di battitura, come ogni buon sistema di scrittura elettronico, ha la gentile compulsione di provare a intuire cosa intendevo scrivere e cerca di propormi delle soluzioni alternative. Così se sbagliandomi digito ‘amblatrio’ è bravissimo a segnalarmi il refuso e indicarmi come unica chance sostitutiva, ‘ambulatorio’, aggiungendo automaticamente le due vocali mancanti. Nei casi invece scovi più di un’ipotesi possibile, con generosità si prodiga a segnalarmele tutte. Mi indica ad esempio che ‘csacca’ non esiste e che potrebbe stare indifferentemente per casca, sacca, casacca e perfino cacca. A me la scelta. Tutto molto sensato e certo utile per chi a volte scrive troppo in fretta e si lascia dietro una scia di refusi, confidando forse anche in questo aiutino successivo. Eppure, se mi scappa di digitare ‘Crsto’ ritrovo come suggerimenti ‘Cretto’ (che ho bisogno del dizionario per scoprire che è una forma in disuso per spaccatura), ‘Crato’ (che nessuna reminiscenza geografica mi aiuta a situare in Portogallo), ‘Cesto’ e ‘Casto’; e dire che basterebbe solo una vocale per riportare in vita la parola che volevo, peraltro abbastanza comune, almeno per due miliardi abbondanti di persone. Se invece mi è capitato di dimenticare la esse, da ‘Crito’ posso arrivare solo a ‘Cripto’, ‘Cricco’, ‘Crato’ (ancora?), ‘Coito’; purtroppo niente interviene a restituire il senso al nome di Colui che, per chi gli ha creduto e gli crede, solo dà senso al reale. Non che in questa rassegna di suggerimenti manchino i personaggi famosi, solamente che arriviamo al massimo a ‘Castro’ (da Cstro) o al più mitico ‘Creso’ (da Criso).Insomma, di Cristo nessuna traccia. Le volte però che riesco a digitarne correttamente il nome, Pages lo lascia come tale e non riporta alcun errore. Come dire: se Cristo lo conosci e sai pure come scriverlo, bene, altrimenti non aspettarti che te lo suggerisca io. Un caso fortuito?Una innocente dimenticanza? Piuttosto un caso di censura; quantomeno lessicale.

Persino come lemma si tende a espungere Cristo dalle nostre vite globalizzate e sorvegliate in nome del politicamente corretto, il suo nome reso letteralmente irriconoscibile e non riconosciuto nelle pagine che scriviamo. Eppure sappiamo che il non poter o non saper più nominare qualcosa porta prima o poi alla sua scomparsa, all’evanescenza di ciò che il lemma indica fino alla sua ultima non pensabilità. Infatti non riusciamo a pensare senza parole, senza appoggiarci a loro.

Siamo fatti così, anche nel nostro pensiero inesorabilmente abbiamo bisogno dei lemmi per costruire i concetti, descrivere i nostri affetti, indicare oggetti ed elaborare idee più o meno buone. È solo una questione di parole, si sente dire a volte. E invece è proprio tutta una questione di parole! Lo sappiamo bene quando gioiamo per le frasi buone che ci vengono incontro e quelle cattive che ci si schiantano addosso.

Il caso di Pages – un software con dietro un nutrito gruppo di programmatori e sviluppatori che lo hanno elaborato e portato sul mercato italiano – è in qualche modo emblematico della nostra condizione personale e sociale. Espungere dal vocabolario Cristo, non considerare che se ne possa nemmeno scrivere il nome su un testo al computer, da una parte può essere preso come uno dei tanti segni di ‘laicizzazione’ del tessuto quotidiano, ma dall’altra come un caso specifico che ne impedisce anche attivamente la trasmissione del nome. E con esso del suo pensiero, del suo vangelo, così radicalmente decisivo per ciascuno di noi per il fatto di essere sempre innestato sul Padre, in presa diretta con Lui. Senza Cristo infatti non sapremmo più concepirci come figli, ossia eredi. Non possiamo non dirci cristiani, scriveva Benedetto Croce nel 1942. A settant’anni di distanza non è peregrino affermare che la situazione è radicalmente cambiata: oggi rischiamo di non poter nemmeno più scrivere Crato. Pardon, Cristo. Almeno stando a Pages e a chi lo ha strutturato in questo modo per noi. Fortuna che ogni tanto capita di incontrare qualcuno che quel nome ce lo ripete di persona. Conviene non lasciarselo scappare.

Luigi Ballerini

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: