ALEZEIA

La verità vi farà liberi

Se non vi convertite perirete tutti

Posted by ikzus su 23 febbraio 2012


In quello stesso tempo si presentarono alcuni a riferirgli il fatto di quei Galilei, il cui sangue Pilato aveva fatto scorrere insieme a quello dei loro sacrifici. Prendendo la parola, Gesù disse loro: «Credete che quei Galilei fossero più peccatori di tutti i Galilei, per aver subìto tale sorte? No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo. O quelle diciotto persone, sulle quali crollò la torre di Sìloe e le uccise, credete che fossero più colpevoli di tutti gli abitanti di Gerusalemme? No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo».

Lc 13, 1-5

*   °   *   °   *

Gesù era una persona affascinante, ma poco simpatico: diceva un sacco di cose sgradevoli, a volte al limite della sopportabilità. Forse è per questo che tanta parte del suo messaggio ancora oggi viene sistematicamente censurato, dal mondo – e questo è comprensibile – ma anche dai suoi seguaci, e perfino dalla sua Chiesa.

Così può capitare che un giovane cristiano – regolarmente battezzato comunicato e cresimato,  chitarrista nel coro parrocchiale, aiuto catechista, caposquadriglia in un reparto scout AGESCI – a 15 anni si rechi alla cerimonia delle Ceneri senza conoscerne il significato; e il papà gli spiega che sì, in effetti, oggi non è che si capisca molto, ma in passato ti dicevano: “ricordati che sei polvere e polvere ritornerai“, oppure “ricordati che devi morire“; e il povero ragazzo all’improvviso scopre che non è una messa solo un pò diversa dalle altre, ma un pugno nello stomaco, un grido nella notte, un allarme rosso per dire “attenzione, state sbagliando strada, andate verso la rovina: convertitevi finché potete, cambiate vita, modificate la rotta, se no vi schianterete”

Per nulla divertente, vero? Eppure …

*   °   *   °   *

Una nave da guerra aveva navigato e fatto esercitazioni militari per giorni e giorni in acque agitate. Ora infuriava la tempesta, gli strumenti parevano impazziti, la radio emetteva solo continue scariche elettrostatiche. Il comandante, preoccupato, stava sul ponte in modo da poter sovrintendere tutte le attività.

All’improvviso, la radio riuscì a captare uno spezzone di un messaggio: “... virate di bordo, ripeto, virate di bordo …“; “Qui è la New Jersey, identificatevi“: nessuna risposta!

Mentre il radiofonista stava per avvisare il comandante, una vedetta sul ponte iniziò a gridare: “Ammiraglio, c’è una luce davanti a noi!”; “E’ fissa o si sta muovendo?” chiese il comandante. La vedetta confermò che la posizione della luce era stabile, il che significava che erano in evidente rotta di collisione.

Il comandante ordinò all’uomo delle comunicazioni: “Chiama quella nave, digli di virare immediatamente, noi proseguiamo sulla nostra rotta”. Il radiofonista inviò ripetutamente il messaggio, ma l’unica risposta – tra i disturbi e le scariche – fu “… cambiate rotta, ripeto, cambiate subito rotta, vi schianterete …“.

Innervosito dall’arroganza di quelle frasi, il comandante disse: “Comunica alla nave il seguente messaggio: ‘Corazzata New Jersey a vascello non identificato, cambiate rotta di 20 gradi nord’”; nessuna risposta. La luce si avvicinava, il pericolo di collisione aumentava in modo preoccupante. Possibile che fosse un vascello ostile, e che avesse intenzione di attaccarli?

All’improvviso l’ammiraglio afferrò il microfono e gridò: “Sono l’ammiraglio Johnson della Marina Militare Americana, comando una nave da guerra, vi ordino di cambiare rotta di 20 gradi nord’”. La risposta fu: “Io sono il guardiano del faro”.

La corazzata cambiò rotta.

E si salvò.

*   °   *   °   *

Volete costruire un mondo nuovo senza Dio, perciò siete infelici. Senza Dio non c’è né futuro né vita eterna

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: