ALEZEIA

La verità vi farà liberi

Posted by ikzus su 15 giugno 2010



A FAVORE dei PESTICIDI di SINTESI


Ogni tanto, ‘Il Giornale’ [IG] ospita una rubrica dal titolo rivelatore: ‘Come Bio comanda‘. Un vero peccato. Di solito, ne evito la lettura; lo esige lo stomaco. Ma occasionalmente, ci cado. Come il 19 c.m.. Sara’ stato l’aspetto ammaliatore dell’inclito curatore della rubrica, un po’ alla Giacomo Leopardi sulla spiaggia di Rimini, che nella minifoto annessa sbircia verso il lettore, quasi a irriderlo di sottecchi, con quella sua zucchetta pesante di contenuti, appena inclinata, sostenuta a fatica dalla mano gentile che si ripiega, cercando di evitarne la quasi incoercibile e imminente rovinosa caduta sull’impiantito. Sara’ stato il titolo seducente:  ‘Emergenza pesticidi‘; chissa’. Le espressioni dell’inclito sono di un rigore appena trattenuto: ‘..pericoloso cocktail di pesticidi … …ortofrutticoli inquinati da piu’ di un veleno…. alimenti con piu’ di un residuo tossico…presenza di pericolose associazioni di veleni… l’assunzione contemporanea di piu’ di un veleno…‘. E tutto il ricamo di invettive, a fatica trattenute nel sottobosco delle affermazioni dolcemente impertinenti, e’ tessuto attorno e nella direzione della icasticita’ finale, attesa, dell’associazione risolutiva: pesticidi = veleni. Trattandosi di cio’ che ‘Bio Comanda‘ non ci sono dubbi: l’inclito si scaglia contro i ‘terrificanti’ pestici di sintesi.


Eppure, se l’inclito non disdegnasse di accedere direttamente alla fonte, per cercare di raccogliere con l’umilta’ che spetterebbe all’incompetente [ma che solitamente non ha], i “fatti”, le realta’ note agli specialisti, agli uomini di scienza [infine, e’ pur vero che e’ la scienza e solo la scienza che puo’ essere invocata – anche dai fanatici-ambientalisti – per stabilire se una sostanza e’ tossica o non lo e’] , saprebbe che l’argomento pesticidi e’ stato affrontato estesissimamente dal maggiore conoscitore del problema, lo scienziato Bruce N. Ames, ‘inventore’ tra l’altro del metodo di valutazione della tossicita’ di qualsivoglia sostanza chimica; metodo utilizzato universalmente. Ames, guarda caso, non condivide minimamente le opinioni ‘velenose’ dell’inclito nano-binladen. “La meta’ di tutte le sostanze chimiche, siano NATURALI o sintetiche, sono positive ai tests di cancerogenicita’, condotti con alte dosi sui ratti . L’esposizione dell’uomo ai cancerogeni [per i roditori] NATURALI e’ cosi’ diffusa da rendere senza importanza l’esposizione  ai cancerogeni di sintesi.” [Ames, B.N. & Gold, L.S., 2000, Mutation Research 447, 3-13].


Scriveva Ames nel 1990 [PNAS 87, 7777-7781] che  “..il 99.99% dei pesticidi sono NATURALI“; e spiegava che le piante stressate e/o danneggiate, come nel corso di un attacco di parassiti, producono, come bio-comanda, un gran numero di sostanze ‘pesticide’  e in quantita’ cosi’ elevate da poter provocare tossicita’ acute nell’uomo [le concentrazioni dei pesticidi NATURALI, che sono mille volte piu’concentrati di quelli di sintesi,  si misurano in parti-per-mille, parti-per-milione; quelle dei pesticidi di sintesi, in parti-per-miliardo; ossia milligrammi / microgrammi per grammo di prodotto, nel caso dei pesticidi NATURALI;  e solo in nanogrammi /grammo – ossia miliardesimi di grammo per grammo di alimento, per i pesticidi sintetici].


Non e’ privo di rilevanza il fatto che nel 1992, la Food & Drug Administration abbia esaminato 19.082 campioni di alimenti alla ricerca di 200 pesticidi: nel 64% dei campioni non siano stati trovati pesticidi; nel 99% degli 8.281  campioni di produzione nazionale, i pesticidi non fossero a concentrazioni superiori ai valori consentiti dalla legislazione vigente [FDA Pesticide Residue Monitoring 1992. JAOAC (1993), 76, 127A-148A].


Dei 71 PESTICIDI  NATURALI che sono stati saggiati, 37 [= 52%] sono risultati carcerogeni per i roditori. Questi 37 pesticidi naturali sono presenti in molti degli alimenti di tutti i giorni, quali mele, albicocche, banane, basilico, broccoli, cavoli,cavolfiori, carote, chili, cioccolato, caffe’, melanzane, limoni, aglio, finocchio, semi di soya, pomodori, patate, ecc. ecc. ecc. [Ames & Gold, 2000, citato sopra]. Infatti gli stessi Ames e Gold stimano che “..in media gli Americani ingeriscano dai 5 mila ai 10 mila differenti pesticidi NATURALI …equivalenti a circa 1.500 milligrammi di pesticidi NATURALI per persona per giorno; una quantita’ di pesticidi che e’ circa 10 mila volte superiore a quella dei pesticidi di sintesi [= 0.09 mg] ….Il pericolo potenziale che puo’ derivare dai pesticidi di sintesi e’ minimo al confronto del pericolo derivante dai pesticidi NATURALI…anche se nessuno dei due puo’ rappresentare un reale pericolo per il consumatore, date le basse dosi assunte quotidianamente …. molti alimenti ordinari non supererebbero i criteri che regolamentano i pesticidi di sintesi.… molte migliaia di composti chimici clorurati sono prodotti in natura…anche i pesticidi naturali possono concentrarsi nei tessuti adiposi..“.  [Ames & Gold, 2000, citato sopra].


Ne’ si possono invocare fenomeni di adattamento alle tossine naturali, infatti  “.. varie tossine naturali presenti dall’inizio dell’evoluzione dei vertebrati, sono tuttora cancerogene. Le aflatossine, presenti nei prodotti NATURALMENTE ammuffiti da certe specie di muffe [molto diffuse] sono i piu’ potenti cancerogeni che si conoscano, sia per i roditori che per l’uomo…La dieta umana e’ cambiata notevolmente nelle ultime migliaia di anni. Inoltre, pochissimi dei vegetali consumati ai giorni nostri, come caffe’, cacao, te, patate, pomodori, mais, avocado, mango, olive, kiwi, facevano parte della dieta dei primitivi raccoglitori-cacciatori. La selezione naturale opera troppo lentamente nell’ uomo, perche’ si sia potuta evolvere una resistenza specifica alle tossine presenti in questi vegetali introdotti solo di recente nella dieta...”[Ames & Gold, 2000, citato sopra].
Analoghe considerazioni si potrebbero fare per le sostanze estrogeniche. Dicono ancora i succitati Autori che ‘..la dieta normale contiene composti chimici NATURALI provvisti di un’attivita’ estrogenica milioni di volte superiore a quella delle sostanze estrogeniche di sintesi...’ [Ames & Gold, 2000, citato sopra].

Qualche considerazione finale. Il DDT e’ letale nei confronti di vettori di malattie quali le zanzare, le tsetse, i pidocchi, le pulci e un buon numero di parassiti vegetali. L’impiego di DDT determino’ un grande aumento delle produzioni agricole, con conseguente diminuzione dei prezzi;cio’ che le rese accessibili anche ai meno abbienti.  ” Il DDT ha una bassa tossicita’ per l’uomo. Nel 1970 l’Accademia Nazionale delle Scienze concludeva il rapporto cosi: << In poco piu’ di due decadi il DDT ha prevenuto la morte per malaria di 500 milioni di persone, che sarebbe stata altrimenti inevitabile.>> Non c’e’ nessuna convincente evidenza epidemiologica, ne’ una gran plausibilita’ tossicologica, che i livelli di DDT riscontrati nell’ambiente o nei tessuti umani, abbiano potuto contribuire significativamente  alla diffusione del cancro.”[Ames & Gold, 2000, citati].

Come si puo’ vedere – per chi vuole vedere – dalle due tabelle annesse, la tossicita’ delle sostanze NATURALI e’ migliaia-milioni di volte superiore a quella del cianuro. La cancerogenicita’ delle sostanze non-naturali, di sintesi, e’ migliaia-milioni di volte inferiore a quella delle piu’ pericolose sostanze NATURALI; anche sommando la Potenza Relativa dei composti sintetici piu’ cancerogeni [pari in totale a 2720 unita’], si raggiunge a malapena la meta’ della Potenza Cancerogena Relativa [4737 unita’] di uno solo – e il meno attivo – dei tre piu’ potenti composti cancerogeni NATURALI.

E’ cosi’ ‘i pesticidi di sintesi = veleni’ scompaiono, non esistono, se non nelle patologiche attese di terroristi disinformati e fanatici. Insomma, e’ molto evidente, che l’inclito curatore della nominata rubrica, diffonde idee infami, non surrogate da alcuna attendibilita’ scientifica; e’ puro terrorismo ideologico, quello che fa’; dettato da malainformazione condita di fanatismo ecologistico. In questo modo, si rafforzano idee prive di qualsiasi fondamento scientifico [spero che nessuno voglia mettere a confronto le opinioni dell’inclito, con quelle dei massimi esperti scientifici del problema], che poi magari suscitano interesse verso provvedimenti rivolti a proteggere il consumatore da situazioni di nessun valore reale per la salute umana, distraendo impegno e mezzi che potrebbero essere rivolti con molto maggiore efficacia in altre direzioni, ben piu’ rilevanti per la salute. Anche quest’ultima considerazione e’ sostenuta da Ames e Collaboratori [Ames & Gold, 2000, citato sopra].

Non credo che si debba riconoscere ad ognuno il diritto di esprimere la propria opinione, comunque, qualunque essa sia. Non accetto che si possa avere il diritto di professarsi comunisti [dopo che hanno provocato ~ 100 milioni di vittime], nazisti [dopo i ~ 25 milioni di vittime], non-democratici, no-global-idiocy-socialforastri, cheguevarastri, talebani, seguaci di binladen, terroristi, e via per queste fogne criminali. Ne’ posso credere che ai vertici de IL GIORNALE  si nascondano velleita’ fanatico-ambientaliste, cieche in pieno sole,  antiscientifiche, dogmatiche, contrarie al progresso e alla civilta’ occidentale. Quella civilta’ che ha si’, commesso errori diabolici e immani come quelli citati, ed altri ancora, ma che non ci ha impedito di arricchire il mondo di cultura e di beni senza fine. Quella civilta’ che non ci ha costretto a fermarci immobili al tempo delle crociate, ma che ci ha portato a spasso sulla luna; e che ci conduce a organizzare il mondo in modo che ci sia sempre piu’ completo benessere per tutti i popoli della terra [“Sovranita’ e ricchezza” di C. Pelanda e P. Savona, Sperling & Kupfer Ed., 2001]. Qui’ nessuno porta un burqa sulla testa. Si’, questa nostra cultura ‘occidentale’, che comprende anche i cinesi e i giapponesi e tutti gli africani e tutti insieme coloro che credono nei valori della liberta personale, del rispetto inalienabile per la persona [specie della donna], della democrazia, del diritto di tutti al benessere, alla conoscenza, alla cultura e alla felicita’, e’ frutto e artefice allo stesso tempo del progresso scientifico e tecnico, che ci ha dato certezze, provvisorie ma razionali, e stimoli, e forze creatrici in tutti i campi dello scibile, piu’ di qualunque altro monumento storico o pseudocivilta’. E’ davanti agli occhi di tutti. Eccetto purtroppo davanti al volto implorante delle persone costrette da una situazione ignobile a vivere sotto un burqa. Un’autentica, intollerabile vergogna per l’umanita’.


Se qualcuno, dovunque si trovi, sente delle propensioni per l’universo dei talebani, dei komeinisti e dei loro soci, ancora fermi ad una stazione d’autobus dell’oscuro medioevo, beh, preghiamolo di farsi da parte. Noi viviamo altrove.

Un suggerimento per chiunque abbia occhi e orecchi. E’ appena [2001] uscito: “The skeptical environmentalist. Measuring the Real State of the World.” di B. Lomborg, Cambridge University Press, 2001 [Lomborg e’ Professore Associato di Statistica all’Universita di Aarhus, Danimarca].
E’ una pietra miliare.
E’ uscita la traduzione del libro di Lomborg, con il titolo: “L’ambientalista scettico. Non e’ vero che la terra e’ in pericolo.”, 2003, ed. Saggi Mondadori.

TOSSICITA’ dei Composti Chimici
Naturali e Sintetici
piu tossici
Composti Dose Letale: g/persona Potenza Relativa
PCBs [pesticida]* 96 0.008
DDT [pesticida]* 9 0.09
Dieldrin [pesticida]* 3.7 0.2
Potassio Cianuro [Riferimento] 0.8 1
Disulfoton [pesticida]* 0.18 4.3
TEPP [pesticida]* 0.09 9
Stricnina [Nux vomica] 0.04 20
Tossine di Funghi Velenosi 0.0075 – 0.023 107 – 35
Soman [gas letale]* 0.0051 156
VX [gas letale]* 0.0012 670
Veleni di Serpenti velenosi* 0.0002 – 0.002 4,000 – 400
Sarin [gas letale]* 0.0008 1000
Tabun [gas letale]* 0.0008 1000
Tossine della Vedova nera [ragno]* 0.00075 1.067
Ittio-Tossine
[da protisti marini]*
0.0006 – 0.0015 1.333 – 533
Batracotossina
[da Rane freccia]*
0.00016 5.000
Ricina
[Ricinus communis]*
0.00008 10.000
Tossina Difterica
[da batterio]
0.000024 31.250
Palytossina [Coralli]* 0.000012 62.500
Tossina tetanica [da batterio]** 0.000000057 14.000.000
Neurotossina Botulinica
[da batterio]***
0.000000023 34.800.000

* ‘The Merck Index’, 10th Edition, 1983. * See Veleni Animali** Bartlett, J.G., 1992, In “Infectious Diseases” Gorbach, Bartlett &
Blacklow eds., WB Saunders Co, Harcourt, Brace Jovanovich, Inc. Publ. *** Schanz, EJ & Sugiyama, H, 1974, Essays in Toxicology 5, 99-199

Come mostrato nella Tabella:

– i composti chimici di sintesi creati dall’uomo sono MENO tossici di quelli Naturali;
– il DDT, ad esempio, e’ 100 volte MENO tossico del cianuro di potassio;
– il Sarin e’ circa 30,000 volte MENO tossico della tossina botulinica;
le sostanze chimiche piu’ tossiche sono quelle naturali;
– la tossina tetanica e la tossina botulinica, ad esempio, sono
14 – 35 milioni di volte PIU’ tossiche del cianuro di potassio.


CANCEROGENICITA’
dei composti chimici
Naturali e Sintetici
piu’ cancerogeni

Composto Chimico CD[50]: mg/kg peso corporeo POTENZA Relativa
Aflatoxins 0,003 3.000.000
Dimethylnitrosamina 0,2 45.000
Sinfitina 1,8 4.737
1,1-dimethylhydrazine 4,8 1.875
Formaldeide 20,0 450
Uretano 30 300
Estragolo 50 180
Cloroformio 100 90
Allil-isotiocianato 100 90
Safrolo 250 36
Saccarina 2.000 4.5
Alcool [riferimento] 9.000 1
Acqua 162.000.000 0,00006

CD[50] = stima della Dose Cancerogenica per il 50% dei soggetti.
Potenza Relativa = Potenza Cancerogenica rispetto alla potenza dell’alcool    presa = 1.

Ottobre 23, 2001

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: