ALEZEIA

La verità vi farà liberi

Il crepuscolo dei valori

Posted by ikzus su 13 agosto 2008


Negli ultimi mesi le tre notizie più eclatanti sono state il tentativo di eliminare Eluana Englaro, le olimpiadi di Pechino, e la guerra russo-georgiana; esiste un nesso, una chiave di lettura comune tra vicende apparentemente così distanti tra loro? Io credo di si: tutte e tre ci parlano di cosa sta diventando l’Occidente.

La guerra-lampo che Putin ha scatenato contro la Georgia era nell’aria da tempo, e l’avvio delle olimpiadi ha fornito l’occasione giusta per sferrare il colpo mentre il resto del mondo era distratto. Ad onor del vero, è stato il presidente georgiano ad accendere la miccia, forse contando su un appoggio più forte da parte degli Stati Uniti, o su una reazione meno violenta del Grande Orso eurasiatico; sicuramente, ha fatto male i suoi conti. Mosca ha così trovato l’occasione che cercava da tempo, per chiarire a tutti che l’ex impero non tollererà altre sottrazioni; inoltre, ha gettato un’ulteriore pesante ipoteca sul grande gioco politico-strategico dell’energia. Insomma, una classica guerra imperialista, motivata anche da ragioni etniche (Abkazia e Ossezia sono regioni con popolazione a maggioranza russa), ma più in profondità mossa dal gas e dal petrolio. A parte le reazioni scontate delle cancellerie, qual è stata la reazione internazionale, ed in particolare europea? Nulla.

Niente proclami indignati, niente marce multicolori, niente veglie di preghiera, niente bandiere arcobaleno. Sappiamo da tempo che la galassia pacifista soffre di strabismo congenito, e di letargia selettiva: si attiva solo se in un conflitto sono coinvolti gli USA, o almeno gli europei; tuttavia, fa impressione dover constatare che, al di là delle meschinità dei ‘pacifinti’, la legge della giungla viene tranquillamente accettata da tutti: è logico, naturale, e quindi ‘giusto’ che il più forte prevalga sul più debole, in questo caso senza neanche un minimo di attenzione e tutela per le popolazioni civili. Le uniche voci significative che si sono levate a difesa dei diritti dei deboli, sono state non a caso quelle di papa Benedetto XVI e del patriarca di Costantinopoli – ma non quella del patriarca russo: purtroppo, la storia insegna che chi non ha voluto obbedire a Pietro, ha finito sempre per sottomettersi a Cesare.

Anche nel caso delle olimpiadi abbiamo assistito al trionfo del menefreghismo: i presunti grandi valori dello sport (ma quali sarebbero, poi?) si sono scontrati con i ben più scomodi diritti umani, ed hanno facilmente trionfato, in un delirio di retorica. Anche qui, non fa specie che gli atleti, come quasi tutti i professionisti, tendano ad anteporre il loro lavoro (ed i loro lauti guadagni) alle eteree aspirazioni degli idealisti; è piuttosto il sentire della gente comune, ben rappresentata dalla sua proiezione televisiva e massmediatica, che lascia interdetti. La contestazione più diffusa – e più banale – suonava così: è compito dei politici, mica degli sportivi, occuparsi di diritti umani e boicottaggi conseguenti – come dire: se la gratti Berlusconi, ‘che io c’ho i giochi da guardare! C’è qualcosa di infantile in questo atteggiamento, come quando dici ai tuoi figli di apparecchiare la tavola e loro ti rispondono: “Ma non tocca a me, tocca a lui …”. Peraltro, anche giornalisti affermati ghirigoravano sulla presunta ipocrisia delle nazioni che con la Cina commerciano (si sa che per certa cultura il commercio è un crimine analogo alla pedofilia) e poi pretendono che la purezza dell’ideale olimpico venga turbata dalla questione dei diritti umani. Nessuno pareva notare il paradosso per cui si attribuiva a governi democratici – che quindi dovrebbero rispecchiare il volere comune – il dovere di agire in contrasto proprio con le opinioni prevalenti dei loro cittadini! Al contrario, mentre gli Stati non possono che adeguarsi alle regole del bon-ton diplomatico, e dunque calibrare ogni passo ed ogni parola; sono invece proprio i cittadini, come singoli individui o come associazioni, che dovrebbero sentire l’urgenza e la necessità di proclamare forte e chiaro il paradigma ideale cui le istituzioni devono adeguarsi. Certo, un paradigma ideale, prima di proclamarlo, bisogna averlo; e il vero problema è proprio questo: l’Occidente, impegnato da secoli a demolire la propria identità cristiana, un substrato di valori condivisi non ce l’ha più.

Ecco come si arriva alla mostruosità di un ordinamento giuridico che, invece di tutelare la vita (e quindi tutti gli altri diritti della persona) ne dispone la soppressione, e non come estrema pena per crimini nefandi, ma per soddisfare un padre che si batte da anni per far morire legalmente sua figlia. D’altronde, quando il consiglio d’europa (le minuscole sono assolutamente volute!) proclama solennemente che l’aborto non è più una disgraziata emergenza, e neanche soltanto un comodo metodo di controllo delle nascite, ma addirittura un DIRITTO – il diritto di una madre ad uccidere suo figlio -, ecco, siamo arrivati al fondo; siamo tornati ai sacrifici umani, al diritto del più forte di eliminare il più debole, al paganesimo, alla superstizione (lo sapete, vero, perché le olimpiadi cinesi sono iniziate alle 8 di sera dell’8/8/2008?), e infine all’idolatria di quella che poeticamente chiamiamo Madre Natura, ma che nei millenni passati – a differenza del Padre Santo che è nei cieli – non ha mai dato segno di curarsi minimamente dei figli dell’Uomo.

Anche pubblicato qui:

Sguardo Leale

alessandropagano.it

da leggere:

Le lunghe ferie dei pacifisti

Annunci

3 Risposte to “Il crepuscolo dei valori”

  1. Aleks said

    Falso.
    Ipocrita e falso accusare un padre di voler uccidere una figlia. Affermazioni del genere sono la negazione di ogni traccia di carità, in senso cristiano ed in senso laico.

    Causa di questa ignobile campagna mediatica è il relativismo della cultura religiosa che pretende d’essere paradigma di ogni conoscenza.
    La situazione reale non è quella propagandata: parliamo di una donna morta da sedici anni il cui corpo è ancora alimentato da macchine. Il padre vuole porre fine a questo scempio.
    Dal punto di vista legale non ci sono ostacoli. Leggi specifiche mancano e dunque è toccato ad un magistrato decidere di conseguenza sulla base della legislazione vigente.

    E qui l’integralismo cattolico ha mostrato il suo lato più spietato, definendo assassino un padre. Un corpo ridotto ad un vegetale, senza alcun segno di attività celebrale non è vivo. Questa è una verità incontrovertibile e scientifica: non stiamo parlando di una forma di coma più o meno indotto, ma di morte celebrale. Solo la scienza può fornire una base certa ed universale, non le superstizioni di una religione.

    Ed infatti gli errori grossolani nascono proprio considerando che certi valori possano provenire dalle religioni. Come se la propria credenza possa avere un fondo di verità valido per tutti: questo è un’assurdità bella e buona. Le religioni sono tante, ognuna con i propri principi ed ognuna incompatibile con le altre. Questo fatto basta di per sé a rendere relativo ogni valore religioso. La religione rappresenta il relativismo culturale per eccellenza.

    Va da sé che pretendere di giudicare su questa base è sbagliato.

    I diritti umani sono diritti universalmente riconosciuti, in questi diritti c’è l’interruzione terapeutica della gravidanza e c’è il rifiuto all’accanimento terapeutico. Nel primo caso l’intervento viene eseguito quando il feto non è un essere vivente completo, ma soltanto un abbozzo privo di coscienza e di organi vitali. Nel secondo caso si tratta di lasciare la vita spegnersi secondo il suo naturale corso.

    Il progresso umano è tanto più avanzato quanto più ci si allontana dalla superstizione. La direzione è dunque quella contraria al bigottismo ristretto dell’una o l’altra religione. La fine dei valori è rappresentato dall’integralismo cattolico.

    E questo problema non ha nulla a che vedere con la guerra in Georgia, le cui cause sono tutte politiche e risalgono alla dissoluzione dell’Unione Sovietica.

    E nulla ha a che vedere con le repressioni cinesi in Tibet, che hanno tutt’altra causa. Circa l’opportunità dei giochi olimpici in Cina, pare che l’unico ad aver espresso opinioni equilibrate sia stato il Dalai Lama: l’unico che sia riuscito a ricordare il valore delle olimpiadi.

    Credere di poter mescolare tutte le cose spiacevoli per tirar fuori una unica causa è operazione puerile e priva di senso. Se poi si pretende di indicare come colpevoli coloro che si schierano per la pace, l’ipocrisia è completa.

  2. Concordo con la lucida lettura del nesso che unisce i tre fatti di attualità. Se non si coglie la radice del male che genera mostruosità e contraddizioni, restiamo nel campo delle ‘opinioni’. Mentre la realtà va da un’altra parte ..

  3. come ha detto lec walesa, il presidente-dittatore della georgia Mikheil Saakashvili si e’ comportato da irresponsabile totale: cosa sperava, che scoppiasse un guerra mondiale per salvargli lo scranno periclitante? alla fine e’ andata bene cosi..
    Del resto, da quando gli usa hanno privilegiato, in iraq come in serbia e in Kossovo il diritto della forza, sostituendolo alla forza del diritto, hanno creato un precedente pericolosissimo.. perche’ putin non dovrebbe applicare a sua volta tale diritto?
    e poi se il kossovo ha il diritto all’indipendenza, perche’ tale diritto non deve averlo l’ossezia del sud e perchè putin deve lasciar massacrare i suoi cittadini, oltretutto russi e russofoni senza muovere un dito?

    certo, tutti i mass media di destra e di sinistra sono politicamente corretti nel ripetere gli stessi slogan, ma credo si debba fare uno sforzo per superare la propaganda interessata per cercare di ragionare sugli avvenimenti ed evitare di leggere unilateralmente gli avvenimenti.
    cordiali saluti,
    gianni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: