ALEZEIA

La verità vi farà liberi

Pensieri sparsi su aborto e dintorni

Posted by ikzus su 22 maggio 2008


Samuele e tutti gli altri
L’ho già detto in passato, torno a dirlo: non capisco la sentenza contro la Franzoni. Alla fine, i giudici hanno deciso che è stata proprio lei a uccidere il piccolo Samuele; e allora? Basta con l’ipocrisia! In Italia vivono milioni di donne che hanno assassinato – del tutto legalmente! – i propri figli, quasi sempre con la complicità dei padri. In fondo, quello di Cogne è solo un aborto un po’ in ritardo.

Moratoria sulla pena di aborto
Sento dalla radio, leggo sui giornali, vedo in televisione che tutti (Amnesty, Comunità di Sant’Egidio, Governo Italiano, Unione Europea, ONU …) si sbattono un sacco per sospendere in tutto il mondo le esecuzioni capitali. Gran bella cosa, niente da dire: si può mai essere sicuri della colpevolezza, e poi la vita umana è sacra comunque, anche quella dei peggiori criminali. Ogni anno vengono condannati a morte circa 5.000 persone, val la pena tentare di salvarli.
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ogni anno l’aborto uccide circa 50.000.000 di bambini. Qualcuno mi sa spiegare perché ogni vita di un (presunto) delinquente vale più della vita di 10.000 bambini totalmente innocenti, perché ammazzati ancora prima di nascere?

Un mondo di assassini
I dati dell’OMS, benché sottostimanti – perché non contano né gli aborti chimici da pillole varie, né quelli clandestini che nessuna legalizzazione ha mai eliminato -, fanno veramente paura: 50 milioni all’anno, vuol dire un miliardo ogni vent’anni, tre miliardi in sessant’anni.
Si dà il caso che su questo porco mondo vivano più o meno tre miliardi di donne, con una vita media di circa 60 anni; se non fosse per le serial killer (quelle che di aborti ne fanno 2, 3, 4, 5 …), potremmo dire che mediamente ogni donna ha già abortito o abortirà una volta in vita sua, quasi sempre con la connivenza di un uomo. Le statistiche, si sa, raccontano più menzogne che verità; ma questa ci sbatte in faccia una cosa semplicissima: viviamo in un mondo di assassini.

La faccia assurda dell’immigrazione
Caro Presidente Napolitano, mi ha molto colpito la sua affermazione – peraltro banale – secondo cui i nostri tre milioni circa di immigrati ci servono: in gran parte lavorano, e pagano tasse e contributi. Certo, di primo acchito ti viene da pensare ai disoccupati italiani, e ti viene da dire: “Allora, chi vuole lavorare, il lavoro lo trova”. Poi però ti prende un altro ragionamento, e noti che il numero degli immigrati è grosso modo equivalente a quello dei bambini abortiti negli ultimi decenni, e allora ti chiedi: com’è che abbiamo necessità degli immigrati, ma dello stesso numero di italiani non importava nulla a nessuno? Non era meglio avere tre milioni di italiani in più, e tre milioni di immigrati in meno? Non sarebbe stato tutto più semplice?
Sono certo, caro Presidente, che da domani l’Italia adotterà tutte le politiche necessarie per aiutare le donne in difficoltà a portare alla fine la propria gravidanza, e parallelamente scoraggerà in tutti i modi sia l’aborto che l’immigrazione … no, eh ?!?

p.s. queste amarezze le scrissi quasi un anno fa; a parte qualche riferimento un pò datato, non mi pare che la situazione sia cambiata sostanzialmente.

Annunci

3 Risposte to “Pensieri sparsi su aborto e dintorni”

  1. Enrico said

    Purtroppo è così, tante assassine e complici a piede libero e tutti concentrati sulla poveretta di turno…. Chi ha la forza di reagire ed il coraggio per farlo, lo faccia. Sono convinto che la coppa dell’ira di Dio stia già traboccando… lo si capirà fra non molto…. vedrete che alcuni dei più dissennati dopo ci verranno a rimproverare “voi che sapevate, perchè non ci avete dissuaso dalla nostra condotta perversa?”… Enrico

  2. Literalist said

    Somehow i missed the point. Probably lost in translation 🙂 Anyway … nice blog to visit.

    cheers, Literalist

  3. luce said

    VOI SIETE PAZZI!!!!!!!!!!!!!! FATEVI CURARE!!!!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: